Roberto Mazzanti nasce a Senigallia il 28 novembre 1963.

Inizia a studiare pianoforte e chitarra classica sotto la guida del Maestro Mario Antonelli e dimostra fin dai primissimi anni una spiccata attitudine per la composizione e l’improvvisazione.

Per questo motivo segue per due anni le lezioni di Giorgio Gaslini, che influenzeranno profondamente il suo approccio al mondo creativo. Su consiglio dello stesso Gaslini nel 1980 si iscrive al corso di Composizione presso il Conservatorio di Pesaro.

Nel 1983 realizza la prima colonna sonora per la televisione (nella serie Geo, curata da Folco Quilici, RAI 3) alla quale seguiranno nel corso degli anni numerose altre collaborazioni:

 

  • Il culto degli Antenati, RAI 1;
  • Documentari a cura di Sabatino Moscati, RAI 1;
  • San Nicola di Bari (scenografia di Luca Ronconi), RAI 2;
  • Confidenzialmente Ave Ninchi, RAI 2.

Nel 1989, dopo una lunga serie di collaborazioni con i maggiori musicisti italiani (Joe Amoruso, Toni Esposito, Jimmy Villotti, Antonio Marangolo, Riccardo Zappa, ecc.), partecipa in veste di pianista ed arrangiatore alla trasmissione di RAI 3 “What’s Jazz”.

Nel 1990 viene inserito nell’Enciclopedia della Musica Italiana curata da Renzo Arbore.

Dopo tanti anni trascorsi nel mondo, a volte assai frenetico, degli studi di registrazione, nel 1990 tornano in primo piano gli elementi sicuramente determinanti nel percorso artistico di Roberto Mazzanti: la composizione e l’improvvisazione per pianoforte solo.

Come solista ha pubblicato 5 album: Clouds, Reinassance, Novantanove, Dominante Blu ed il recente Costellazione Anversa.

DISCOGRAFIA